Cigliano - Gubbio Camino e scalette
Cigliano - Gubbio Camino e scalette
5 guests
1 bedroom
5 beds
1 bath
5 guests
1 bedroom
5 beds
1 bath
You won’t be charged yet

Doppia comunicante è accesibile direttamente dal Cucinone:
5 posti letto particolarmente adatta a famiglie con bambini.

The space

Cigliano è una grande e antica casa colonica a 519 metri di altitudine completamente immersa nel verde e circondata da terreni e boschi che degradano dolcemente nella sottostante valle del fiume Chiascio lungo il percorso Francescano.
Vi è la possibilità di fare escursioni di grande interesse storico, artistico, folcloristico considerando che il vicino paese di Colpalombo, antica residenza di caccia di Federico da Montefeltro, è tra la città di Gubbio, Assisi, Perugia.
Nel corso degli anni il casolare è stato ristrutturato secondo un’idea ben precisa: ricostruire, all’interno di esso, l’ambiente contadino che da secoli lo aveva visto spettatore e ridargli quel fascino e quei profumi che da sempre lo contraddistinsero.

Guest access

Alle aree comuni Cucina e Salone, giardino e pergolato


Amenities
Kitchen
Essentials
Heating
Free parking on premise

Prices
Extra people £28 / night after the first guest
Always communicate through Airbnb
To protect your payment, never transfer money or communicate outside of the Airbnb website or app.
Learn more

Cancellations

Safety features
First aid kit

Availability
1 night minimum stay

No reviews (yet)

This home doesn’t have any reviews. If you stay here, your review will appear here.

Joined in April 2015
Annamaria User Profile

Chi vi parla è Anna Maria e Francesco e noi, pur amando tantissimo la nostra bella città, Roma, intorno agli anni ’70 eravamo alla ricerca di un piccolo rifugio, lontano dalla convulsa vita cittadina, per noi ed i nostri figli Andrea di sette anni e Giovanni di nove mesi. Abbiamo cercato intorno a Gubbio dove affonda le radici parte della famiglia.

Lo avevamo sognato completamente isolato, immerso nel verde, con un po’ di terreno intorno ad una vecchia casa colonica “in pietra”. Cosi, nella ricerca di posto in posto, ci siamo imbattuti in Cigliano; appena arrivati siamo rimasti senza fiato: da qualunque parte noi guardassimo vedevamo colline e colline a più scenari, era estate ed era tutto in fiore! E’ stato amore a prima vista!

In verità la casa ci aveva un po’ spaventato perché, pur essendo proprio quella che cercavamo, era troppo grande e malridotta: era stata abbandonata da più di dieci anni e ridotta ad ovile. Non c’era acqua corrente, non c’era bagno (allora si scendeva in campo), non c’erano porte né finestre, non c’era luce elettrica ma questo faceva parte dei nostri sogni.

Anche se le nostre risorse economiche erano pressoché inesistenti non potevamo non fare il grande passo! E così decidemmo di restaurare sommariamente la parte più vecchia: porte, finestre, un bagno, una piccola cisterna per avere l’acqua in casa, un’imbiancata. Così è cominciata l’avventura!

Da allora tutte le nostre risorse economiche e di tempo sono state spese per restaurare questa casa e per ricostruire intorno ad essa l’ambiente contadino con una paziente ricerca di mobili, suppellettili, strumenti di lavoro. Per venti anni Cigliano non è stato solo il nostro rifugio ma anche quello dei nostri parenti, dei nostri amici, degli amici degli amici, dei compagni di scuola di Andrea e Giovanni, di gruppi scouts.

Poi circa venti anni fa Giovanni che, dopo il diploma si era trasferito a Cigliano (noi eravamo ancora costretti a Roma per lavoro), lanciò l’idea di aprire questa attività. Dopo le iniziali perplessità (infatti le norme burocratiche e sanitarie erano tali per cui la casa sarebbe stata completamente stravolta nella sua tipologia colonica originale) si è deciso per il sì a patto che nulla di sostanziale venisse cambiato sia nella struttura che nelle abitudini.

E così i nostri primi ospiti si sono visti catapultati in un'altra epoca! Considerate che l’elettricità è arrivata in zona nel 1993 due anni dopo l’inizio dell’attività: il riscaldamento, l’acqua calda, l’illuminazione nei luoghi comuni ha reso il posto un po’ meno spartano! La decisione, iniziata quasi come una sfida, che ad illuminare le stanze rimanessero le candele si è rivelata un’attrattiva: lasciare il salone per raggiungere le stanze in compagnia di un candelabro, soffiare sulle candele, lasciarsi avvolgere dal silenzio delle colline, addormentarsi sui vecchi lettoni è senza dubbio un’esperienza unica ed inaspettata. Noi, a differenza di molti agriturismi, non tradiremo mai l’originale filosofia della legge e le aspettative di chi ama vivere un’esperienza turistica concepita per ritrovare ed assaporare i valori della campagna in connubio con tradizione, ospitalità e natura.

Ora abbiamo tanti amici fra i nostri ospiti che tornano anche a distanza di anni, alcuni per farci conoscere i figli nati nel frattempo, tanti amici fra i bambini che non vogliono mai andarsene, che ci telefonano, che ci scrivono (alcuni tornano da grandi come Roberto, Alessandro, Serena).
Noi non sapremmo più fare a meno di tanto affetto !

The neighbourhood

Similar listings