camera da letto
Topfloor with Wide terrace 10mt sea
Hosted by Grazia
Grazia is the host.
4 guests
1 bedroom
2 beds
1 bath
4 guests
1 bedroom
2 beds
1 bath
You won’t be charged yet
Delightful apartment in front of the sea, near the center of the village, recently renovated with terrace on the floor, living room with sofa bed, 1 bedroom, kitchen and large terrace overhanging with outdoor kitchen and external shower
translated by Google

delizioso appartamento di fronte al mare, vicino al centro del paese, di recente ristrutturazione con terrazzino al piano, soggiorno con divano letto, 1 camera da letto, cucina e ampio terrazzo sovrastante con cucina esterna e doccia esterna

The space

The great position, front to the sea and Very Close to The all Services and movida of isola delle femmine!!!
translated by Google

The great position, front to the sea and Very Close to The all Services and movida of isola delle femmine!!!

Guest access

The guests Will Live in fredoom The Wide new terrace and the beautiful flat
translated by Google

The guests Will Live in fredoom The Wide new terrace and the beautiful flat

Interaction with guests

I am Very glad to Host People and i behave with Them as of They were Friends of mine
translated by Google

I am Very glad to Host People and i behave with Them as of They were Friends of mine

Other things to note

Ancient seaside village in the province of Palermo, Isola delle Femmine is located on the northern coast of Sicily and is the destination of many Italian and foreign tourists every year. The small town of about 7,200 inhabitants, named after the small island, included in the municipal territory, off Palermo, surrounded by the limpid Mediterranean waters. Famous in the area are the many legends that circulate on the Island of the Females, such as those that justify his name: according to a legend, many years ago on the island there was a prison where only women were recruited, but in this regard, There is no paper testimony or other reliable finds and testimonies. An exotic version tells of thirteen Turkish girls who, spotted with very serious faults, were left by their comrades on a drifting ship; A storm led them to the bay of Carini where they lived for seven years. When the relatives, regretted of their actions came to look for them, decided not to return home and settle on the mainland; Founded a town that, in memory of peace, called Capaci (from Cca-paci, here the peace) and gave the name "Island of the Females" to the island where the girls had stayed. A somewhat sader legend tells the Count of Capaci locking the island on her island to keep her away from other men; The woman, however, not returning the love of the count, committed suicide one night by throwing himself out of the rocks. From that day, it is said that every anniversary of the death of that unlucky woman is heard a cry of desperation coming from the islet, at the point where there is a tower called the "Outside Tower", near the highest point of the 'Island (about 35 meters above sea level). The "Outside Tower" dates back to the 16th century, has a square plant, a wall structure of over two meters thick and two rainwater collecting tanks. On the mainland there are the remains of the so-called "Tower of Inside", the oldest in the area. The Island of the Females today is a beautiful floating green oasis, modeled over the years by the waves that made it oval; It is about 300 meters from the coast, with an irregular, knotty and jagged surface. It has been established over the years as one of the most popular tourist resorts for a weekend in Sicily during the summer, also taking advantage of a location that allows you to reach in just a few miles of great places of great naturalistic, historical and recreational interest. On the promontory of the island you can admire a spectacular panorama, starting from the same town of Isola delle Femmine, Monte Pellegrino, Capaci, Capo Gallo and Ustica cape. In the Hellenistic period go back to the remains of seven juniper tubs for the preparation of garum, a sought-after fish sauce, marketed in the Mediterranean. Sea depths, with different depths between the area around the island coast and those offshore, have several archaeological finds from Roman and Greek. On the island is the Island-of-feminine-oriented Nature Reserve, established in 1997 by the Sicilian Region and since 1998 entrusted to the LIPU: the reserve protects the local floristic heritage and favors the rest of the fauna species that stand on the island in their migratory movements. A fascinating attraction of the Island of the Females is the intimate nature of the seaside village: early in the morning you can go to the harbor when the fishermen discharge the fruit of their nighttime work at sea and attend the secular rite of the offer, With high praise, to buyers. In addition to fishing, the economic resources of the island are the furnishing and ceramics factories; Famous are the art ceramics of "La Musa". An ever-expanding field is definitely tourism, thanks to the entrepreneurial spirit of many young people who have realized different wooden platforms, used as solariums and bars, distributed along the cliff and the coast, allowing the tourists to enjoy the sun lying comfortably. The sea, however, is the absolute star of the Island, emerald green, with its shallow backdrops on the side facing the mainland, unlike the opposite side. During the summer you can enjoy the sun on the golden beach and, from the harbor, you can embark on an underwater boat to explore the backdrops of the reserve and bathe in the crystal clear sea around the island. There are many water activities such as water skiing, boat trips, windsurfing and scuba diving to admire the wonderful backdrops with red corals, ocean posidonia prairies and the Hellenistic finds Scattered among the rocks. On the mainland, the coast is occupied by many bathing establishments offering numerous services to tourists.
translated by Google

Antico borgo marinaro in provincia di Palermo, Isola delle Femmine si trova sulla costa settentrionale della Sicilia ed ogni anno è meta di moltissimi turisti, italiani e stranieri.

Il piccolo paese di circa 7.200 abitanti, prende il nome dalla piccola isola, compresa nel territorio comunale, al largo di Palermo, circondata dalle acque limpidissime del Mediterraneo.

Famose sul territorio sono le tantissime leggende che circolano sull’Isola delle Femmine, come quelle che giustificano il suo nome: secondo una leggenda, tantissimi anni fa sull’isola c’era una prigione dove erano recluse solo donne, ma al riguardo non c’è nessuna testimonianza cartacea o altri reperti e testimonianze attendibili.

Una versione più esotica racconta di tredici ragazze turche che, macchiatesi di colpe molto gravi, furono lasciate dai loro compagni su una nave alla deriva; una tempesta le condusse verso la baia di Carini dove vissero per sette anni. Quando i parenti, pentitisi della loro azioni vennero a cercarle, decisero di non far più ritorno in patria e di stabilirsi sulla terraferma; fondarono una cittadina che, in ricordo della pace fatta, chiamarono Capaci (da Cca-paci, qui la pace) e diedero il nome di “Isola delle Femmine” all’isolotto dove avevano dimorato le ragazze.

Una leggenda un po’ più triste narra che il Conte di Capaci rinchiuse sull’isola la sua innamorata, per tenerla lontana dagli altri uomini; la donna però, non ricambiando l’amore del conte, una notte si suicidò gettandosi dagli scogli. Da quel giorno si racconta che, ad ogni anniversario della morte di quella sfortunata donna, si odono delle grida di disperazione provenienti dall’isoletta, nel punto in cui sorge una torre, detta “Torre di fuori”, in prossimità del punto più alto dell’isola (circa 35 metri s.l.m.). La “Torre di fuori” risale al XVI, ha pianta quadrata, una struttura muraria con spessore di oltre due metri e con due cisterne per la raccolta dell’acqua piovana. Sulla terraferma ci sono i resti della cosiddetta “Torre di dentro”, la più antica del territorio.

L’Isola delle Femmine oggi è una bellissima oasi verde galleggiante, modellata nel corso degli anni dalle onde che l’hanno resa ovale; dista dal litorale circa 300 metri, con una superficie irregolare, nodosa e frastagliata.

Si è affermata negli anni come una delle località turistiche più gettonate per un weekend in Sicilia durante il periodo estivo, avvalendosi anche di una posizione che consente di raggiungere in pochissimi chilometri mete limitrofe di grande interesse naturalistico, storico e ricreativo. Sul promontorio dell’isola si può ammirare uno spettacolare panorama, a partire dallo stesso comune di Isola delle Femmine, il Monte Pellegrino, il comune di Capaci, il promontorio di Capo Gallo e Ustica.

Al periodo ellenistico risalgono i resti di sette vasche in cocciopesto per la preparazione del garum, una ricercata salsa di pesce, commercializzata nel Mediterraneo. I fondali marini, con profondità diverse fra la zona intorno alla costa dell’isola e quelli in mare aperto, presentano diversi reperti archeologici di età romana e greca.

Sull’isola si trova la Riserva naturale orientata Isola delle Femmine, istituita nel 1997 dalla Regione Siciliana e dal 1998 affidata alla LIPU: la riserva tutela il patrimonio floristico locale e favorisce la sosta di specie faunistiche che sostano sull’isola nei loro movimenti migratori.

Un’attrattiva affascinante dell’Isola delle Femmine è l’intima natura di borgo marinaro: al mattino presto ci si può recare al porto, quando i pescatori scaricano il frutto delle loro fatiche notturne in mare, ed assistere al rito secolare dell’offerta, con lodi altisonanti, ai compratori. Oltre alla pesca, le risorse economiche dell’Isola sono le fabbriche di arredamento e di ceramica; famose le ceramiche artistiche de “La Musa”.

Un settore in continua espansione è sicuramente il turismo, grazie allo spirito imprenditoriale di molti giovani che hanno realizzato diverse piattaforme in legno, adibite a solarium e bar, distribuite lungo la scogliera e il litorale, che permettono ai turisti di godersi il sole comodamente sdraiati. Il mare è comunque il protagonista assoluto dell’Isola, di colore verde smeraldo, con i fondali molto bassi dalla parte che guarda la terraferma, al contrario del lato opposto.

Durante il periodo estivo si può godere del sole sulla spiaggia dorata e, dal porticciolo, ci si può imbarcare su un natante a visione subacquea per esplorare i fondali della riserva e fare il bagno nel mare cristallino intorno all’isola. Sono presenti molte attività acquatiche, come lo sci nautico, escursioni in barca, windsurf e le immersioni subacquee, per ammirare i meravigliosi fondali con i coralli rossi, le praterie di posidonia oceanica e i reperti ellenici disseminati fra le rocce. Sulla terraferma, il litorale è occupato da molti stabilimenti balneari che offrono numerosi servizi ai turisti.


Amenities
Kitchen
TV
Essentials
Shampoo

Cancellations

1 Review

Giuseppe User Profile
September 2017
Comoda per la distanza dal centro. Casa molto funzionale e proprietari molto disponibili e gentili. Ottima esperienza!

This host has 5 reviews for other properties.

View other reviews
ItalyJoined in May 2015
Grazia User Profile
Sono una persona molto dinamica, amante dello sport all'aria aperta, della buona cucina casareccia.. amo molto viaggiare e conoscere nuovi luoghi, interagendo con culture diverse dalle mie.. i miei amici sono il cofanetto segreto dove tengo racchiuse le mie emozioni!!! cercherò d…
Languages: English, Español, Français, Italiano, العربية
Response rate: 100%
Response time: within an hour

The neighbourhood

Similar listings